Baretta su Formiche: “Un’altra Europa è possibile”

“Se è vero che il 60% degli italiani appoggia le politiche del governo gialloverde, il 65%, secondo i dati di Eurobarometro diffusi oggi (ieri ndr), è favorevole all’euro. Un modesto 44% è favorevole a restare nell’Unione Europea, con un 32% di incerti e un 24% di contrari. Non c’è da gioire, ma la partita è ancora tutta aperta”.

È dei confini di questa partita che Pier Paolo Baretta, presidente ReS, parla in un post pubblicato su Formiche.it, anticipando i temi che saranno al centro del convegno “Per un’altra Europa“.

“Il punto  – spiega Baretta – è che non esistono vie di mezzo. In questo i sovranisti, con i loro forsennati attacchi, ci aiutano a capire chiaramente la situazione. O si va avanti o si va indietro. L’idea di limitarsi a difendere questa Europa, con la tesi che questo clima “anti” passerà, è perdente. Se si vuole evitare che l’Europa si sfaldi, bisogna rilanciarla.

Innanzitutto, con un progetto strategico, che rimetta in moto l’entusiasmo di una prospettiva: gli Stati Uniti d’Europa. Una prospettiva affascinante, ma meno utopistica di quanto appaia. Infatti, “Stati Uniti” vuol dire che gli Stati nazionali esistono e concorrono a una “Federazione” con poteri certamente maggiori di oggi, che gli Stati devono definitivamente delegare alla dimensione sovranazionale, ma anche senza annullare le specificità nazionali, vissute come una ricchezza”.

Per leggere l’articolo completo>>

2018-10-18T17:58:16+00:00 18 ottobre 2018|Rassegna stampa|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.