Banche, Baretta: “Fondo ristoro, accesso per tutti” (intervista La Nuova Venezia)

Botta e risposta a distanza tra il sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci e Pier Paolo Baretta, che quel ruolo al Mef lo ha ricoperto per cinque anni sotto i governi Letta, Renzi e Gentiloni. Nodo del contendere il decreto attuativo del fondo di ristoro per le vittime di reato bancario.

Stando a quanto sostenuto nei giorni scorsi da Bitonci alla stampa, il nuovo governo gialloverde sarebbe impegnato nella riscrittura del decreto, con l’obiettivo di allargare la platea degli aventi diritto e di semplificare le procedure di accesso. A smentire questa ricostruzione, che giustificherebbe un allungamento dei tempi di approvazione e pubblicazione del decreto, è lo stesso Pier Paolo Baretta, che di quel fondo ne fu promotore e artefice nell’ultima legge di bilancio. In un’intervista al La Nuova Venezia, l’ex-sottosegretario ribadisce che nessuno è stato escluso dalla possibilità di accesso al fondo, purché sia riconosciuto come vittima di un reato bancario da un giudice o dall’arbitrato Anac. Spetterà a quest’ultimi, inoltre, stabilire l’entità del danno subito e, quindi, l’ammontare dell’indennizzo.

“Il decreto che abbiamo consegnato al nuovo governo – spiega Baretta nell’intervista – non prevede limitazioni di platea. La limitazione deriva dalla cifra che è insufficiente e che va aumentata nella prossima legge di bilancio, così come il Parlamento aveva già deciso l’anno scorso, al momento di istituire il fondo che è stato votato da tutti”.

L’allargamento della platea di cui parla Bitonci può far riferimento solo alla volontà del nuovo governo di dare qualcosa a tutti, “ma non corrisponde alla logica con cui è stato costruito il fondo” spiega Baretta. Ad accedervi, infatti, dovrebbero essere coloro che hanno subito un danno ingiusto perché vittime di un illecito perpetrato ai loro danni dalle banche.

Leggi l’intervista completa (.pdf – 511 kb)

2018-07-17T11:56:23+00:00 17 luglio 2018|In evidenza, Notizie dal Veneto, Rassegna stampa|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.