Su Vita.it, Baretta: “Senza Europa non si va da nessuna parte, ma con questa Europa non si va lontano”

“Italia, Europa: un nuovo riformismo”: questo è il tema di un importante convegno che si terrà lunedì 12 novembre nell’Aula Magna della Sapienza di Roma. Un’occasione per riflettere, in chiave di scenario, sull’Europa che verrà e sulle alternative possibili al cosiddetto “sovranismo”. In un’intervista con il sito Vita.it, il presidente di ReS Pier Paolo Baretta parla di riformismo, economia e ruolo dei corpi intermedi in vista del convegno di lunedì, organizzato da Fondazione Achille Grandi, Fratelli Rosselli, Koiné, L’Italia Che Verrà, Mondo Operaio e Riformismo e Solidarietà.

“Senza Europa – spiega Baretta – non si va da nessuna parte, ma con questa Europa non si va lontano. Ecco perché i riformisti hanno un compito più faticoso dei sovranisti, ma devono porre il tema, devono porlo anche se la soluzione sembra difficile da vedere. Anche lo stesso risultato delle elezioni statunitensi, che non ha dato la risposta “giornalistica” che tutti si aspettavano ha dimostrato una cosa molto importante dal punto di vista dei riformisti: da un lato, ha dimostrato quanto sia ancora ampio il consenso alle forze sovraniste, ma dall’altro ha fatto capire che se l’anima democratica sa mettere in moto forze fresche e una nuova progettualità, allora – continua il presidente di ReS – come nel caso di New York la gente percepisce che ci può essere un’alternativa”.

Leggi l’intervista completa>>

2018-11-08T15:44:03+00:00 8 novembre 2018|Rassegna stampa|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.